pappaUn po’ di psicologia e via!
Guida divertente all’alimentazione ”vegetale” dei bimbi
Frutta e verdura non sono gli alimenti più amati dai piccoli e così i neogenitori devono affrontare anche questo problema.
Tali cibi, ricchi di vitamine, fibre e proteine vegetali creano grattacapi.

Ma le loro caratteristiche e le loro qualità di alimenti privi di grassi, fanno bene alla salute tanto da prevenire alcune malattie come le cardiopatie e altre patologie del benessere. Purtroppo non tutti si nutrono di questi prodotti, specialmente i più giovani. Fin da tempi immemori, infatti, i bambini preferiscono la pasta, la pizza, le patatine, talvolta i dolci, il cioccolato o le caramelle al posto della frutta e della verdura.

Che cosa fare dunque per abituare i nostri figli a una corretta educazione alimentare? Ecco alcuni consigli. Conviene insistere un po’ nel far mangiare cibi vegetali, onde evitare di dare origine a comportamenti alimentari scorretti. Sarebbe meglio, infatti, abituare i propri figli fin dalla più tenera età, ad assaggiare verdura e frutta, iniziando magari con porzioni minime. Poi, per dar loro il buon esempio, i genitori dovrebbero mostrare di gradire pietanze a base di verdure e se gli adulti daranno il giusto valore a questi alimenti, considerandoli piatti genuini e colorati e non solo contorni, anche i bambini saranno più motivati a consumarli.

Un altro accorgimento per indirizzare i più giovani verso una corretta alimentazione e spingerli a mangiare più verdura e più frutta, è quello di coinvolgerli nella loro preparazione, magari scegliendo gli ortaggi più colorati, come pomodori, melanzane, zucchine e carote.
La presenza infine di un orto in giardino o di un vaso da frutta o verdura sul balcone di casa sicuramente aiuta, in quanto ai bambini piace lavorare la terra con le mani, toccandola. Per i piccolissimi invece si possono creare, con le verdure, simpatici e divertenti immagini.

Basta dare spazio alla propria fantasia e con un po’ di pazienza si possono realizzare pupazzetti o animaletti. Ad esempio con le carote tagliate a rondella associate a olive nere potete raffigurare insoliti e divertenti occhietti. Usate verdure colorate e giocate sulle forme e sui colori creando buffe faccette. In questo caso i bambini mangeranno giocando. Assolutamente vietato invece minacciarli se non mangiano le verdure: le minacce non servono a nulla, anzi sviluppano l’antipatia nei confronti dell’alimento.
Anche fare certi tipi di affermazioni quali ”se mangi la verdura ti prometto un premio!”
non funziona e il bimbo si sentirà obbligato a mangiare solo in funzione della ricompensa. Appetitose ricette composte da vegetali e formaggio o pasta o carne sicuramente aiutano a raggiungere l’obiettivo. Ad esempio un piatto molto apprezzato sono le polpette di verdura, le pizzette fatte con verdure, ma anche il purè di patate.
Quasi tutti i prodotti vegetali possono essere preparati e cucinati come la purea, magari creando una tavolozza di colori.
La preparazione è semplice: si lessano le verdure e si sminuzzano con il frullatore. Così con le carote si ottiene il colore arancione, con gli spinaci il colore verde, con i peperoni il colore rosso e giallo.
Anche dare e associare nomi divertenti e originali alle verdure sicuramente aiuta, come anche appellarsi al concetto di forza (gli spinaci di Braccio di ferro), ma anche ad alcuni cartoni animati e libri per bambini dove vengano raccontate storie in cui i protagonisti siano proprio frutti e ortaggi.. Allora vedrete che con pazienza e costanza anche i più giovani si avvicineranno al mondo della frutta e verdura.
Pazienza, costanza e buon appetito a tutti!