coppia genitorialeCome favorire l’accettazione del fratellino.
Spesso i genitori si preoccupano delle possibili reazioni emotive e comportamentali del loro figlio all’arrivo di un fratellino.

Infatti la nascita di un fratello può dare inizio a un periodo di tensioni, soprattutto per i primogeniti: con la nascita del secondo la posizione del primo all’interno del gruppo familiare subisce un ridimensionamento e questi deve imparare a condividere quelle attenzioni che prima erano concentrate solo su di lui.
Seguono ”linee guida”, precisando che bisogna sempre considerare l’unicità di ogni bambino e situazione. In merito alla decisione di avere un altro figlio è importante non chiedere il permesso al primogenito: è un progetto di coppia che ha valore per sé e il bambino non deve avere né il diritto di intervenire sulla vita privata dei genitori e del fratello né il peso di una scelta che esula dalle sue capacità.
Tenendo presente che i bambini capiscono più di quello che si crede e che l’incertezza è più inquietante della conoscenza, è importante che la comunicazione dell’arrivo di un fratellino sia fatta dai genitori dicendo la verità con parole semplici e comprensibili, senza creare un’immagine confusa della realtà (es. cavoli e cicogne).
Per i bimbi di 2 anni è preferibile aspettare il cambio silhouette della mamma perchè
sarebbe un’astrazione, mentre se hanno più di 4 anni è possibile anche prima.
Se c’è un rifiuto da parte del bambino, è importante non farlo sentire cattivo ma rispettare i suoi sentimenti rassicurandolo sul fatto che avrà l’amore sempre.
Farlo immaginare come compagno di giochi può essere deludente quando vedrà che mangia, dorme e piange ma non gioca; quindi è meglio dire che lo diventerà e mostrargli, ad esempio attraverso un bambolotto o un libro, le cure di cui avrà bisogno sottolineando il suo senso di competenza perchè sono capacità che lui ha acquisito.
È preferibile non far coincidere grandi cambiamenti con l’arrivo del fratellino ma anticiparli se sono da fare (es. inizio asilo nido, cambio cameretta), diluendoli nel tempo e presentandoli in maniera positiva come conquiste e non come rinuncie per far posto all’altro, in quanto privato delle sue abitudini potrebbe pensare che si tratta di un modo per sbarazzarsi di lui.
In merito alla gestione del momento in cui si deve andare in ospedale sarebbe bene salutarlo e rassicurarlo; prima di fargli vedere il fratellino appena nato chiedere di lui mostrando che è mancato. Inoltre potrebbe essere utile far trovare un regalo fatto a livello simbolico dal neonato, il quale riceverà tanti regali per la nascita mentre il fratello no.
Concluderei affermando che il tempo impiegato a favorire l’accettazione del fratellino, è ben investito perchè potrà attenuare la gelosia del bambino.