bambino attentoDimentichiamoci un po’ della TV…
Per una ’mens sana in corpore sano’, dopo tanto sport, facciamo largo alla lettura!

Lo sostiene l’indagine scientifica USA condotta dal dr. Robert Wilson (Rush University Medical Center di Chicago).
Questa conferma quanto è importante iniziare a leggere fin da piccoli, perché il cervello resta più giovane a lungo e corre meno rischi di incorrere in malattie quali la demenza senile e il morbo di Alzheimer, oltreché prevenire i deficit cognitivi.

Dunque che attendiamo? Stimoliamo i bambini, abituiamoli alla lettura, leggiamo con loro e se sono neonati o se devono ancora nascere, leggiamo loro ad alta voce un bel libro. Si abitueranno al timbro della voce, l’ascolteranno come fosse una canzone, la riconosceranno e instaureranno un legame affettivo con l’adulto.
Se invece avete bimbi un po’ più grandi, che di leggere non vogliono saperne, non allarmatevi: è solo questione di tempo.
Ponetevi, però, una domanda: siete lettori accaniti? Se la risposta è sì, è probabile che vostro figlio lo diventi; se è no, lo diventerà se con pazienza darete il giusto valore ai libri.
Se il fanciullo non legge, sappiate che il
vostro esempio è fondamentale e non dimenticate un dato essenziale: se voi non leggete, neanche il bambino si applicherà alla lettura. Piuttosto cercate di leggere con lui.

Leggere è un momento piacevole, un intrattenimento sano e intelligente, un momento di svago che pertanto non dev’essere imposto, ma deve crearsi in modo naturale.
Un atteggiamento che facilita la lettura è frequentare con una certa assiduità librerie e biblioteche (soprattutto quelle per bambini e ragazzi) e in particolare lasciare che i bimbi scelgano da soli i libri che vogliono leggere.
Se però non volete dare sempre questa opzione perché temete che le scelte ricadano sui soliti testi, stabilite delle regole: ad esempio una volta scegliete voi e una volta loro; oppure selezionate un paio di libri e date l’opportunità di decidere quale comprare o quale chiedere in prestito alla biblioteca.
È dunque importante saperli indirizzare, affinché da adolescenti siano in grado di leggere e comprendere ogni tipo di argomento, storia, romanzo, saggio o racconto. Un altro comportamento positivo che agevola la lettura è quello di leggere con loro ad alta voce, interpretando i vari protagonisti della storia e magari facendoli interpretare anche da loro.

Create un’abitudine: stabilite un momento della giornata in cui vi dedicate solo a quello. Infine scegliete uno spazio comodo e rilassante in cui possiate sentirvi a proprio agio perché l’atto di leggere può essere un momento molto intimo e creare dei legami speciali con i vostri bambini. Iniziate con libri semplici
colorati che piacciono ai bambini per poi lentamente dirottare la loro attenzione su albi illustrati e romanzi importanti come per esempio le fantastiche avventure di Harry Potter o le particolari storie di David Almond.
Non siate timorosi e anche quando non sapete come far trascorrere il tempo libero dei vostri bambini, date loro un libro: di sicuro aprirà la loro mente, arricchirà il loro linguaggio e svilupperà la loro capacità di ragionare.
Ricordate: prima i vostri figli si avvicineranno al mondo delle storie, tanto maggiori saranno i loro vantaggi.
Leggere sviluppa il pensiero dando spazio all’immaginazione e alla fantasia; accresce il lessico, rendendo il linguaggio ricco e forbito; facilita l’apprendimento delle lingue straniere e migliora la capacità di comprensione, logica e ragionamento.
A questo punto non rimane altro da fare: leggere, leggere e ancora… Leggere per tutta la vita