W LA DISLESSIA!

“La dislessia è un disturbo specifico dell’apprendimento di origine neurobiologica, caratterizzato da difficoltà nella lettura, in un contesto in cui il livello scolastico globale e lo sviluppo intellettivo del soggetto sono nella norma”. W LA DISLESSIA! nasce proprio dall’esigenza di smentire questa concezione, apparentemente giusta, tipica di una società che vede una diversa modalità di apprendimento come un limite, un’incapacità o, peggio ancora, un problema. Di contro, l’obiettivo è quello di ribaltare questa visione affinché il riconoscimento di questa diversità e la sua valorizzazione possano condurre alla scoperta delle potenzialità della dislessia. Il metodo di W LA DISLESSIA! è...

Leggi tutto…

Siena Art Photo Travel Festival 2016

Dal 29 ottobre al 30 novembre Siena diventa la città della fotografia. Il Festival si aprirà con la premiazione del Siena International Photography Awards: 45 mila gli scatti in concorso da 127 paesi del mondo Per oltre 30 giorni: mostre, workshop, photo tour e seminari con fotografi internazionali Una finestra aperta sul mondo.   • 29 ottobre 2016: inaugurazione del Festival e premiazione della seconda edizione del Siena International Photography Awards: 45 mila immagini in gara da 127 Paesi • Sette mostre personali di grandi nomi della fotografia internazionale, da Melissa Farlow a Francesco Cito • Beyond the Lens:...

Leggi tutto…

Balbuzie: c’è una via di risoluzione?

Da sempre motivo di scherno nei confronti di chi ne soffre. Nei bambini può sviluppare sfiducia in sé e paura di parlare non solo in pubblico ma anche in famiglia o con gli amici. Per quanto se ne parli poco, di balbuzie sono affetti circa 70 milioni di persone nel mondo con un rapporto uomo/donna di 4 a 1. Nel 75% dei casi il disturbo insorge tra i 2 e i 4 anni e solo in rari casi può manifestarsi in età adulta a seguito di eventi neurologici. Il bimbo che balbetta è ben conscio delle sue difficoltà di...

Leggi tutto…

Ridiamo emozioni ai bambini

Realizzati presso la Chirurgia Pediatrica del San Matteo di Pavia la Sala d’attesa emozionale e il Tunnel magico Pavia. Venerdì 29 luglio 2016 presso il Reparto di Chirurgia Pediatrica del Policlinico San Matteo di Pavia è stata inaugurata la Sala d’attesa emozionale e il Tunnel Magico progettati dall’arch. Agostino Danilo Reale con la speciale collaborazione degli artisti e designer di fama internazionali Gaetano Pesce, Willow e Marco Lodola. La Sala d’attesa emozionale e il Tunnel Magico fanno parte del progetto Ridiamo emozioni ai bambini ideato dalla prof.ssa Gloria Pelizzo, Direttore della Struttura di Chirurgia Pediatrica. Il progetto, curato da...

Leggi tutto…

A Napoli l’asilo multilingue, l’asilo della gioia ispirato al modello finlandese.

Un nuovo modello educativo si è affacciato nell’orizzonte della formazione: la scuola multilingue per l’infanzia. Baby Vip aderisce a questo modello ed inaugura il progetto di fornire un modello culturale globale fin dalla primissima infanzia. La massima attenzione allo sviluppo fisico-cognitivo ed emozionale del bambino si muove in un orizzonte che si propone di gettare le basi per la fase di apprendimento che avverrà in età scolastica. Le attività che Baby Vip propone sono tante, vivaci e per tutti i gusti! Fra queste: educazione motoria-psicomotricità, musica in fasce (per i piccoli fino a 3 anni), gioco-ginnastica, yoga (da 3...

Leggi tutto…

Lo sviluppo del disegno infantile

Il disegno è di sicuro l’espressione più autentica e originale della personalità infantile, è un mezzo di comunicazione che, come il linguaggio, è capace di esprimere il livello di maturazione ma anche i problemi, i sentimenti, le emozioni ed i conflitti del bambino. I primi tentativi grafici dei bambini si hanno ai 18-20 mesi ed i segni della matita, gli  scarabocchi, sono caratterizzati dalla grande carica energetica che a questa età sovrasta di molto il limitato controllo motorio del bambino. Intorno ai 2 anni il bambino si accorge che c’è un rapporto tra i suoi movimenti e i segni...

Leggi tutto…

Il disegno, compagno dei nostri bimbi

Colori e matite possono aiutare nella crescita… Il disegno (attività grafica) è “lo specchio” dello sviluppo cognitivo, dello stato emotivo e dell’intenzionalità comunicativa del bambino. Entriamo nel dettaglio dell’argomento. Disegnare, prima ancora di essere una rappresentazione, è un’azione con la quale si lascia una traccia di sé sulla superficie bianca, è un’attività di movimento che rimane come testimonianza, segno o ricordo. Successivamente questa traccia, diventa una sorta di rappresentazione preschematica, chiamata “scarabocchio”. Durante il primo anno di età, il bambino sperimenta il piacere di lasciare tracce colorate sul foglio, dapprima casualmente e poi in modo intenzionale. In questa fase,...

Leggi tutto…

Bambini e bambine a confronto

Come districarsi nella gabbia degli stereotipi Bambine e bambini sono due universi con punti in comune e tante differenze. Possiamo certamente cogliere delle differenze di genere che, tendenzialmente, si rendono manifeste quasi sempre La letteratura a riguardo esplicita chiaramente come, già dai primi mesi di vita, i piccoli abbiano le idee chiare sulla differenza di genere e da un punto di vista sia comportamentale che sociale. Gli studi del dott. Parker fanno estrema chiarezza sul perché alcune differenze esistono e sono così marcate: i bambini giocano a palla, le bambine preferiscono le bambole. Vediamo perché ciò, tendenzialmente, avviene. I...

Leggi tutto…

Crescere ma che fatica!

I primi passi, le prime paroline, le prime esperienze di autonomia… La presenza dell’adulto fra stimoli e protezione! Quando il bambino comincia a sviluppare le sue ”prime competenze” il genitore, che assiste a questo meraviglioso spettacolo, si trova a dover cercare l’equilibrio fra stimoli e protezione. Eziologia: ”Un bambino in braccio alla mamma con una mano si aggrappa a lei e con l’altra esplora il mondo!”(1) La relazione fra mamma e bambino, fra i genitori e il bambino influisce notevolmente nella voglia di esplorare e crescere del bambino stesso. Da un primo momento di assoluta dipendenza dell’adulto si passa...

Leggi tutto…

Il Metodo Eucalculia®

Un valido aiuto per Bambini che presentano difficoltà negli apprendimenti logico-matematici La Pedagogia Clinica è una scienza educativa che rivolge la propria azione a bambini e persone di tutte le età, al fine di offrire loro un aiuto concreto ai propri stati di disagio. Nella fase iniziale del percorso pedagogico clinico, come sempre, è fondamentale definire un setting idoneo alla rilevazione dello stato di disagio e alla conduzione di una diagnosi volta ad esplorare in profondità le potenzialità e le disponibilità detenute dalla persona, ben oltre la semplice diagnosi delle difficoltà conclamate. Tuttavia, pur rimanendo lontani, in qualità di...

Leggi tutto…

Dalla parte della famiglia e della mediazione

Introduzione a cura della dr.ssa Nicla Lattanzio Famiglie ‘mutanti’, così le definisce oggi la pedagogia: sempre più fragili, instabili, deboli, sofferenti, rivoluzionarie… Le immagini che fanno parte degli scenari odierni, ci raccontano dinamiche familiari decisamente complesse e assai differenti da quelle appartenenti al passato; del resto la società globalizzata ha generato nuove urgenze, bisogni e necessità legate talvolta alle aspirazioni dei componenti (che si concretizzano cioè a livello individuale e interpersonale) e che vanno a sconvolgere fortemente le fondamenta della relazionalità familiare. Assistiamo quindi a scenari multiformi dove situazioni di crisi dettate dall’incapacità di adattamento ai cambiamenti provocano squilibrio,...

Leggi tutto…

Bambini e biliguismo

Due lingue per un cervello… Quando parliamo di bilinguismo, spesso, siamo portati a pensarlo come un impegno eccessivo, doppio, come vera e propria fatica per i bambini. La scarsa conoscenza ci induce a temere che si disorienti. Questi pregiudizi perchè partiamo dal presupposto errato che il cervello del bambino risulti eccessivamente stressato da due diverse lingue con relative differenze grammaticali, sintattiche, metafonologiche… idiomatiche. ”Ma se impara due lingue, faticherà a parlare?” ”Con quale lingua penserà?” ”Non farà confusione poi?”. Queste le domande che spesso i genitori si pongono dinanzi al tema bilinguismo. Quasi come a intendere il cervello come...

Leggi tutto…

Il gioco: cibo per il corpo, la mente e l’anima

Uno studio di qualche tempo fa, condotto dalla European Psychoanalytic and Psychodinamic Association, avvalorato da una recente indagine, condotta dall’associazione Pepita, su 500 genitori e altrettanti bambini dai 6 ai 13 anni, assegnerebbe ai genitori italiani l’ultima posizione di una classifica europea sul tempo medio trascorso con i figli, per giocare insieme. L’aspetto peggiore, oltre al tempo dedicato al gioco, di soli 15 minuti, spesso nemmeno tutti i giorni, è che soltanto il 25% dei genitori intervistati ritiene che giocare con i figli sia educativo. Il gioco, dal punto di vista psicopedagogico, dovrebbe essere considerato una sorta di ”cibo”...

Leggi tutto…

Homeschooling e Unschooling

Conoscere per scegliere Accanto alla scuola tradizionale vi sono modalità di apprendimento “alternative”, altrettanto valide e praticabili, liberamente gestite in famiglia. Tutti i genitori con figli, prima o poi, devono confrontarsi con il mondo della scuola e non sempre la relazione è pacifica. Chi si trova in difficoltà, alla fine, è il bambino, che percepisce le reticenze dei genitori, così come quelle degli insegnanti. La scuola è sicuramente un luogo di grande socializzazione e confronto, che offre a bambini e ragazzi un importante “assaggio di mondo”, che permette loro di apprendere e sperimentare le proprie abilità in contesti protetti....

Leggi tutto…

I bambini e il pianto

Perchè a volte la vera difficoltà è ascoltare “Perchè piange? Spesso noi adulti siamo portati all’equazione “bambino che piange=genitore incapace”. Questa equazione ci fa provare imbarazzo quando il bambino piange davanti a terze persone. L’imbarazzo ci impedisce di cogliere le motivazioni del pianto, ci concentriamo più sul nostro fastidio. Così smettiamo di sintonizzarci con i bisogni del piccolo reagendo alle emozioni personali che il pianto suscita. Il pianto per il bambino piccolo è comunicazione, è il canale attraverso il quale può comunicarci i suoi bisogni. Tutti i bambini piangono salvo che non ci siano anomalie e problematiche che lo...

Leggi tutto…

I Nonni questo plusvalore

Disse allora un ricco: parlaci del Dare. Ed egli rispose: Voi non date che cosa di poco conto, quando date qualcosa dei vostri beni. È quando date qualcosa di voi stessi che date veramente… “… Ci sono quelli che danno con gioia, e quella gioia è la loro ricompensa…” Kahlil Gibran da il Profeta Nonni si diventa perché la vita lo permette o perchè si è “adottata la vita”, in questo modo possiamo parlare di dono “donare la vita “. Nell’immaginario collettivo, si parte dall’assunto che nipoti son voluti bene più dei propri figli e che l’attachment che ne...

Leggi tutto…

C’era una volta l’infanzia…

Riflessioni pedagogiche sugli stili di vita contemporanei Lasciate che i bambini siano ciò che vogliono essere e non ciò che voi volete che siano. Un bambino con gli occhi ancora socchiusi e la giacca abbottonata approssimativamente, una bimba che arranca per stare al passo della madre e un’altra ancora che, se fossimo nel periodo natalizio, potrebbe essere scambiata per un pandoro tanto i vestiti sono pieni zeppi di zucchero a velo. Le brioches mangiate durante il tragitto non perdonano. Una macchina nera ultimo modello si arresta bruscamente di fronte al cancello. La portiera si apre, spuntano due piedini e...

Leggi tutto…

Ricordarsi bambini

L’antidoto contro la prepotenza educativa L’isola della pedagogia non violenta c’è. Il percorso è accidentato e non ci sono mappe. Ma l’isola c’è e dobbiamo scovarla. L’educazione inizia dalla culla e già nel limbico grembo materno, apparentemente incolume  da malesseri e fastidi esterni, si avvia  l’imprinting formativo. I modelli trasmessi dalla cultura di appartenenza influenzano il modo di agire e di pensare dei futuri genitori e di tutti coloro che ruotano attorno al mondo del nascituro. Si generano molteplici aspettative che si riversano sin dai primi attimi di vita sul piccolo che, una volta mossi i primi passi  ed...

Leggi tutto…

Il museo dei bambini

Explora è un museo strutturato come una piccola città a misura di bambino con i suoi spazi, le sue funzioni e i suoi mestieri; una città che mette in contatto i bambini con fatti e realtà quotidiane, dove tutto può essere osservato, toccato, sperimentato. Alla scoperta della tecnologia e dei mass media: si sperimenta come e perché si comunica, come si “fa” la televisione, qual è il valore di una banconota, come viaggiano le lettere attraverso la posta pneumatica e l’ufficio postale. Museo dei Bambini Società Cooperativa Sociale onlus ha ottenuto la certificazione di qualità EN ISO 9001:2000 per la...

Leggi tutto…

Pianeta bimbi it

Pianeta Bimbi è un sito didattico per bambini dai 5 ai 14 anni. Vi trovi fumetti, disegni, indovinelli, fiabe, giochi, e idee per praticare lo sport. Nell’area della didattica, puoi trovare una sezione dedicata ai verbi, agli animali e un dizionario e il tempo libero. Interessante la sezione dedicata alle fiabe dov’è la raccolta delle fiabe di Fedro con relativa illustrazione e morale. Un sito per bambini che non vuole soltanto divertire, distrarre o collegare, ma è cresciuto e lavora anche per insegnare. In ogni pagina disegni manuali dei nostri collaboratori completano e ingentiliscono la stesura del testo. Nato...

Leggi tutto…
  • 1
  • 2

Se non hai trovato quello che cerchi, puoi provare ancora:

Oppure puoi segnalarlo,
compilando il form a lato, grazie!

11 + 6 =