bambini in vacanzaConsigli per non perdersi le vacanze
È arrivata l’estate ed è tempo di vacanza anche per i bimbi.
Dove andare quindi? La scelta non è facile, non solo per i costi, ma anche per la presenza appunto di figli piccoli o appena nati.

Mentre per i giovani non c’è che l’imbarazzo della scelta della destinazione, per coloro che viaggiano con prole, la situazione è più complessa. Spesso i neogenitori sono timorosi di abbandonare le comodità di casa, talvolta rinunciando anche alle vacanze.
Nella realtà, la questione si supera con piccoli accorgimenti e i bimbi si possono portare quasi ovunque. Una delle mete più indicate è il mare.
I litorali sabbiosi e le acque calme, sono i più consigliati e se poi il colore dell’acqua è simile a quella dei Caraibi allora la vacanza diventa davvero perfetta.
Mi vengono in mente le località marine della Sardegna (ho preferito la parte sud, meno frequentata) e della Puglia (in particolar modo il Salento), senza dimenticare la splendida isola di Lampedusa con la sua caraibica spiaggia dei conigli.
Chi volesse invece allontanarsi dai litorali italiani, troverà località tranquille come le splendide Baleari, isole della Spagna raggiungibili con l’aereo o col traghetto da Valencia.
Maiorca è la più estesa, e la parte nord è indicata
per le famiglie, così come alcune spiagge di Minorca, in particolare Macarella, o Macarelleta oppure la bellissima spiaggia con acque cristalline e basse di Son Bou adatta per i più piccoli.
Anche Fuerteventura o Lanzarote sono mete indicate per i bambini. Fuerteventura per le spiagge di sabbia bianca e acque tranquille, Lanzarote per le cale isolate (bella quella di Papagayo) ma anche per gli spettacolari panorami che sa regalare.
In tutte queste località e anche in altre non citate quali Egitto o Tunisia (dove mi permetto di segnalare Mahdia, spiaggia bianca), si possono trovare negozi/supermercati che vendono di tutto: dai pannolini al latte in polvere, dagli omogeneizzati alle creme solari per bambini.
Di solito, nonostante questa diffusione globale di prodotti, oltre ai normali medicinali necessari per affrontare un qualsiasi viaggio, non parto senza avere in valigia alcuni oggetti per il mio bambino: cuscino, salviette umidificate, igienizzante per mani, fazzoletti di carta, salviette igieniche/disinfettanti, copri water monouso, lenzuolo, zanzariera, repellente per insetti e per i neonati, latte in polvere che, volendo, si può trovare in qualsiasi farmacia.
Anche a livello di passeggini sappiate che esiste un passeggino che in 6 mosse si piega, diventa “uno zainetto” e potete imbarcarlo con voi in aereo. Per i bambini dai 4/5 anni in su, infine, la scelta su dove trascorrere la propria vacanza è più vasta e può variare dal mare alla montagna, dalle capitali europee alle città d’arte, dai parchi divertimenti alle mete più lontane.
Allora viaggiate e viaggiate ancora! E tenete in considerazione che i bambini adorano i mezzi di trasporto.
Per loro, utilizzarli è un vero divertimento. Dal treno all’aereo, dalla barca al gommone, dal taxi alla metropolitana, ognuno ha il proprio fascino, perciò non stupitevi, se vi capiterà di rifare più volte lo stesso giro sul medesimo mezzo di locomozione… ricordatevi che è un gioco e che fa parte del processo di perlustrazione e scoperta.
Viaggiare in fondo fa bene anche ai neonati e se questi poi godono di buona salute, non indugiate: fate una vacanza rilassante accanto ai vostri figli. Sicuramente avrete indimenticabili ricordi e scoprirete un pezzo di mondo attraverso il loro stupore e lo sguardo vivace e attento dei loro occhi che scrutano tutto.