Allattamento mamma e neonato imparano insieme

Quando non ero ancora mamma credevo che avrei vissuto una meravigliosa gravidanza, preparandomi mentalmente, spiritualmente ed energeticamente per il concepimento.
Nella mia prima gestazione però, durante i vari controlli, la mia bimba nella pancia risultava piuttosto piccolina (secondo i medici andava tutto bene) finché un giorno, durante il sesto mese, mi inizio a gonfiare come un palloncino, mi faccio visitare e mi ricoverano d’urgenza.
La situazione degenera rapidamente e mia figlia Bianca Sofia viene fatta nascere a 6 mesi e mezzo, 28 settimane. Pesava 950 grammi.
Da lì inizia la mia avventura in TIN, Terapia Intensiva Neonatale.
Io, mamma “ignorante”, proprio nel senso che ignoravo cosa significasse l’espressione “bambino prematuro”, sono diventata in un lampo la madre di una “bambina fortemente prematura”. È stato il mio Vietnam! Ogni giorno mi scontravo con la vita e con la morte.
Mi recavo in ospedale per accudire, sostenere e supportare la mia piccola con tutti i miei talenti e gli strumenti del mio lavoro di Coach professionista, allenatore mentale e Trainer di PNL.
I risultati erano sorprendenti!
I valori sul monitor miglioravano giorno dopo giorno ed erano la testimonianza dei risultati del mio lavoro e dei miei sforzi.
Un giorno, mentre stavo usando una suggestione post-ipnotica con Bianca Sofia, le dico che a Capodanno saremmo andate in Lussemburgo e un’infermiera “ignorante”, nel senso che ignorava le mie competenze, mi disse che non potevo dire una cosa del genere alla bambina, “perché se poi non ci andate…”. A quel punto il Lussemburgo era diventato un “must” per me!
Ho sempre portato in TIN il mio sorriso per mia figlia, per me stessa e per gli altri genitori. E proprio lì, in TIN, è nato Mamma Coach, il mio progetto a supporto delle neomamme (e non solo) nella loro meravigliosa avventura.
Ogni neomamma entra in un mondo nuovo, ed è proprio su questo che Mamma Coach vuole intervenire: aiutare le mamme ad essere autonome emotivamente, in equilibrio e soprattutto a sentirsi felici e realizzate in ogni area della loro vita. Perché una mamma felice porta ad avere figli felici!

Come Mamma Coach unisco le mie competenze professionali a quelle di mamma, rivolgendomi alle mamme in attesa fin dal primo mese, al bimbo e anche ai papà che vogliono crescere nel loro matrimonio e nel loro ruolo genitoriale.
Mi occupo di tutto ciò che riguarda la crescita personale della mamma: dal sentirsi inadeguata al diventare una mamma professionista navigata, dalla comunicazione efficace con sé stessa e con i propri figli al controllo delle emozioni, dalla gestione della nuova vita al rientro al lavoro, favorendo il passaggio dal sentirsi “solo” mamma al tornare ad essere donna, al credere di più in se stessa e al far sviluppare leadership e autostima ai propri figli, sviluppando maggiormente i propri canali sensoriali e quelli delle persone che le sono vicine.
Negli anni ho avuto modo di lavorare con mamme di tutte le età: da quelle in attesa a quelle con figli piccoli o grandi, notando come ogni fascia di età abbia specificità ed esigenze diverse.

In particolare, ho notato proprio come uno sviluppo specifico su tutti questi aspetti riesca a trasformare le esperienze maturate dalle mamme in capacità e risorse, in abilità e competenze, nella vita di tutti i giorni e anche, e soprattutto, nel mondo del lavoro.
Mamma Coach è quindi uno strumento di crescita delle mamme, dove coaching e formazione sono finalizzati al miglioramento delle relazioni, delle capacità genitoriali e di tutti i pilastri fondamentali per una famiglia serena e felice.

PS: L’ultimo dell’anno eravamo in Lussemburgo, e avrei tanto voluto mandare una cartolina all’infermiera…

a cura di Myriam Florio – mammacoach.com