Allattando.it

  Allattando.it nasce dal desiderio, quasi la necessità di una mamma di mettere a disposizione di altre mamme informazioni utili, raccolte durante i mesi di un allattamento davvero molto difficile ma meraviglioso! Un blog che parla di allattamento al seno, ma anche un portale legato al mondo della prima infanzia, per future e neomamme. Le diverse categorie trattano informazioni utili, posizioni, rimedi ai problemi più frequenti, prodotti, recensioni, curiosità, consigli, promozioni… Un diario da leggere, ma anche da scrivere insieme, delle pagine in cui raccontarsi e per questo è stata creata la sezione “esperienze”, in cui le mamme condividono...

Leggi tutto…

I miei lunghi-preziosi 9 mesi

È giunto il momento di raccontare la mia personale esperienza Premaman un periodo seppur magico ma ricco di ostacoli e impedimenti che mi hanno portato a vivere la mia gravidanza in modo poco sereno. Sono già trascorsi ben 6 anni, da quando la mia piccola Sofia prendeva vita, giorno dopo giorno, nel mio grembo, che seppur avvolta in un “habitat” protetto, le insidie non cessavano ad arrivare. Non parlo dei comuni fastidi, tipo nausee, vomito ecc, ma di vere situazioni spiacevoli che resero i miei 9 mesi praticamente interminabili! Cominciamo il tour: Incinta di pochi mesi, nemmeno avevo concluso...

Leggi tutto…

Parto in casa, per la SIN una scelta rischiosa

Anche se è una percentuale poco significativa, in Italia continuano ad aumentare le donne che scelgono questa antica pratica. Sono in aumento le donne che decidono di partorire in casa. Una scelta, secondo la Società Italiana di Neonatologia (SIN), che mette a rischio la salute del bambino e della mamma, discussa durante l’ultimo Congresso Nazionale della SIN. Anche se la percentuale è ancora molto bassa rispetto al totale dei neonati (0,1%) la tendenza è in crescita e lo scorso anno si stima siano venuti alla luce tra le mura domestiche circa 500 bambini. Un numero senza dubbio inferiore a...

Leggi tutto…

Perineo e pavimento pelvico

Solo la stretta collaborazione tra Ginecologi e Fisiatri può rendere efficace questa pratica curativa nelle puerpere …e non solo L’incontinenza post-parto è un problema molto comune. La sua risoluzione prevede l’esecuzione di alcuni esercizi e il ricorso in taluni casi ad apparecchiature specifiche strumentali. Il perineo è quella complessa struttura del corpo che si trova tra la sinfisi pubica e il coccige, dove terminano tre canali: l’uretra, la vagina e il retto. Il pavimento pelvico rappresenta la parte interna del perineo. Ci tengo a puntualizzare che problematiche perineali si traducono spesso non solo in problemi di incontinenza urinaria ma...

Leggi tutto…

Depressione post partum

Il Maternity Blues: Mamme nel buio ”Psicopatologia nell’arco della vita”. Sono diversi i disturbi psichici che compaiono dopo la gravidanza; in questo articolo pongo l’attenzione sul Maternity Blues, una forma clinica di depressione temporanea e passeggera, che si manifesta dopo la nascita del figlio. È una sindrome che fa riferimento alla tristezza del dopo parto. Si tratta di una sintomatologia che colpisce circa il 70% delle neomamme, ed è caratterizzata da: • facilità al pianto, sintomo centrale • stanchezza fisica • tendenza all’umore depresso • ansia • irritabilità • difficoltà a prendere sonno o a rimanere svegli • cefalea...

Leggi tutto…

La crisi post partum

E il ruolo degli altri significativi L’ascolto come occasione di reciprocità. “Una balena arenata, ecco come mi sentivo…”(1) Quando si torna a casa, finalmente, con il proprio pargolo fra le braccia ci si immerge in una realtà nuova alla quale bisogna abituarsi. Dalle camere di ospedale sempre affollate di parenti… al deserto di casa. Il desiderio di tranquillità e pace, di viversi questo momento in solitudine potrebbe tramutarsi ben presto in senso dell’abbandono. Non più “una madre fra le tante in reparto”, ma madre a casa propria, fra le mura della propria abitazione. Così silenziosa, così “esigente”, così poco...

Leggi tutto…

L’acqua fonte di vita

Tra i tanti modi di prepararsi, psicologicamente e fisicamente, al momento del parto la scelta di frequentare un corso preparto in acqua può essere quella vincente per tutte le future mamme che hanno familiarità con l’ambiente acquatico e naturalmente anche per coloro che stanno valutando la possibilità di partorire in acqua. L’acqua, da sempre fonte di vita ed elemento fondamentale per il nostro benessere, può infatti essere un ottimo alleato durante il periodo della gravidanza poiché consente un esercizio fisico anche intenso ma mai stressante per le articolazioni e per la colonna vertebrale, che con il crescere del pancione...

Leggi tutto…

Partorire in casa

Quando va tutto bene… l’emozione è indimenticabile Nell’era della tecnologia, dei cibi chimici e della medicina telematica il desiderio del naturale si esprime anche partorendo in casa propria. Coronare il sogno della maternità e partorire tra le pareti domestiche non è un ritorno al passato bensì una scelta personale della donna e della coppia decidere di dare alla luce la propria creatura all’interno di un contesto familiare in cui si respirano odori familiari in un clima rassicurante. Questo non vuol dire che i reparti di ostetricia sono preoccupanti, anzi. Le complicanze ostetriche per le mamme e i loro bimbi,...

Leggi tutto…

Bemama

Crema shampoo ristrutturante di bemama: …e i capelli ritrovano forza e lucentezza. Bemama, Brand presente nel mercato della GDO pensato per rispondere ai bisogni delle mamme seguendole nelle diverse fasi della gravidanza, allattamento e ripresa, lancia la crema shampoo ristrutturante. Si tratta di una crema studiata appositamente per ridare forza e volume ai capelli deboli e spenti a causa del fisiologico calo di estrogeni che avviene dopo il parto e durante la fase di allattamento. È uno shampoo indicato anche per tutte quelle donne attente alla propria bellezza che desiderano un prodotto non aggressivo ed efficace, dalla formulazione particolarmente...

Leggi tutto…

Associazione Il Dono Onlus

L’Associazione Il Dono onlus è una organizzazione no-profit, basata sul volontariato che si occupa di sostegno alla gravidanza indesiderata o problematica e di counseling psicologico, umano e spirituale rivolto a chi soffre in seguito ad una scelta di aborto volontario o terapeutico usando come mezzo primario la formula dell’ auto-mutuo-aiuto. Dal 2005 opera sul territorio nazionale tramite il sito internet e in loco con centri di ascolto e case di accoglienza per nuclei madre bambino promuovendo una cultura a sostegno della donna e del bambino, affinché un figlio non sia mai vissuto come un ostacolo....

Leggi tutto…

Al via i corsi per donne, mamme e bambini

Varese, 5 novembre 2010 S i parte con i  corsi formativi di Il Dono di Iside, l’associazione appena nata a Varese per la volontà di Valentina Bonacalza, ostetrica professionista. L’associazione, che ha il patrocinio del Comune di Varese e collabora con la Croce Rossa Italiana, è rivolta alla donna e alle famiglie, con l’obiettivo di dare supporto attraverso incontri con esperti su temi come gravidanza, parto, alimentazione e  momenti di confronto in cui si possono trovare informazioni e sostegno in tutte le fasi più importanti della vita. Le serate informative sono gratuite e hanno inizio alle 20.30, su prenotazione....

Leggi tutto…

Musicoterapia in gravidanza 2a parte

Gli esercizi di respirazione accompagnati da musiche adeguate aiuteranno la futura mamma a superare l’ansia e a conferire più tranquillità e sicurezza in se stessa, emozioni che indirettamente vivranno anche i bambini. In tale ottica la musicoterapica si pone come strumento di benessere, rivendicando il fondamentale ruolo dell’ascolto della voce materna che, in base all’ analisi condotte, rappresenta un meraviglioso mezzo di interazione madre- figlio, un ponte verso una motricità più organizzata e quindi di uno sviluppo psicomotorio globale più armonico del bambino, uno stimolo all’allattamento al seno attraverso la suzione non nutritiva: quest’ultima considerata un segni di organizzazione da parte del neonato ad una preparazione alla suzione nutritiva ovvero alla capacità di nutrirsi adeguatamente ed interagire ulteriormente con la madre attraverso l’eventuale attaccamento al seno. È risaputo che vi sono legami strettissimi tra emozioni/comportamento infantile ed emozioni e comportamento materno tanto che ad essi è legato lo sviluppo dell’ego ovvero dell’identità psicologica. Il feto percepisce e acquisisce non solo le vibrazioni a livello corporeo e acustico, ma anche le emozioni trasmesse dalla mamma. Chiaramente l’embrione non rimane indifferente agli stimoli che avverte ma risponde in modo chiaro e differenziato così che, lavorando su questi elementi si crea un dialogo non-verbale tra madre e figlio. Questo consente alla mamma di capire già da molti aspetti la personalità del bambino ed instaurare con lui un dialogo. I risultati delle ricerche...

Leggi tutto…

Allo Zoo di Roma c’è un nuovo abitante

Un cucciolo maschio di zebra è nato al Bioparco di Roma venerdì scorso. Il piccolo è nato dall’unione di mamma Wendy e papà Chucky, provenienti da uno zoo olandese. Ppesa circa 30 chili e sta bene, coccolato e  accudito dalla sua mamma che non lo perde di vista per un attimo. I cuccioli di zebra appena subito dopo il parto sono già in grado di correre e, a differenza degli adulti nascono a righe bianche e marroni per poi cambiare  il manto con il tempo e, assumere il classico colorito nero e bianco che favorisce la mimetizzazione nel branco,...

Leggi tutto…

Gravidanze e parto nella tradizione popolare: 5a parte

Leggende “pericolose” Come quella che bere birra aumenterebbe la produzione di latte materno. Come ormai tutte le donne sanno, il consumo esagerato di alcolici durante la gravidanza è decisamente sconsigliato perché potrebbe addirittura provocare danni al bambino. Si dice che la luna nuova in prossimità del termine della gravidanza contribuisca a fare entrare le donne in travaglio. Pare infatti che nella notte in cui appare la nuova luna si registri un aumento delle nascite. In Toscana, il dilemma “pancia tonda o pancia a punta, alta o bassa” si risolve con “Pancia ritta un’ vo cappello”, ovvero se la pancia...

Leggi tutto…

Gravidanze e parto nella tradizione popolare: 4a parte

Le voglie La credenza riporta che i desideri alimentari smodati, che colgono la gravida nelle ore più impensabili, debbano essere assolutamente soddisfatti pena la comparsa di macchie sulla pelle del bambino, che naturalmente saranno del colore del cibo negato (rossa per le fragole, scura per il caffè, e via cosí). Una variante sostiene che la macchia si riprodurrà, nel bambino, sulla stessa parte del corpo che la mamma si è inavvertitamente toccata, mentre desiderava qualche cibo magari controindicato al suo stato. Si dice inoltre che l’acidità di stomaco (che affligge molte donne durante gli ultimi due trimestri) sia dovuta...

Leggi tutto…

Gravidanze e parto nella tradizione popolare: 3a parte

Esistevano dei cibi vietati: le anguille (Lazio) sennò il piccolo sarebbe annegato, lepri o conigli (Piemonte) causa di labbro leporino, lumache (Mantova), perché sarebbe nato con la bava alla bocca e gravi problemi di dentizione. Bere vino bianco se si desiderava un bimbetto biondo, nero se lo si preferiva moro(Friuli); guardare spesso un’immaginetta di Gesù (Puglia) per farlo bello come Lui e soprattutto non prendere mai a calci un maiale (Abruzzo) se non si voleva che il figlio russasse per tutta la...

Leggi tutto…

Gravidanze e parto nella tradizione popolare: 2a parte

Concepimento Meglio non concepire nei giorni ventosi o troppo vicini a una festività solenne come il Natale o la Pasqua (Toscana), perché il bebè sarebbe cresciuto violento e superbo. In Veneto, per favorire la fecondità, le sposine indossavano senza mai lavarla e sino al momento della fecondazione, la camicia da notte di una donna pluripara. Una volta riuscite ad evitare dermatiti, infarti o polmoniti e rimanere finalmente incinte, le donne dovevano prestare massima attenzione a cosa facevano, onde evitare che i figli nascessero affetti da morbi e difetti fisici vari. Ad esempio dappertutto vigeva la prescrizione di non guardare...

Leggi tutto…

Gravidanze e parto nella tradizione popolare tutte le credenze popolari più curiose 1a parte

Ma perché la nascita dei bambini viene associata all’arrivo della cicogna? Quali sono le credenze popolari più strane che accompagnano il “fantastico mondo” della gestante? Ecco alcune “perle” e leggende miste a realtà che hanno accompagnato gli uomini nel misterioso viaggio della vita. La leggenda della cicogna che porta i bambini risale alle origini dell’umanità, quando la cicogna era un uccello molto diffuso che faceva il nido sopra i tetti delle case, e più precisamente nei camini, perché da essi saliva il calore. Visto che la possibilità di riscaldarsi non era così frequente, spesso i camini venivano accesi solo...

Leggi tutto…

Se non hai trovato quello che cerchi, puoi provare ancora:

Oppure puoi segnalarlo,
compilando il form a lato, grazie!

4 + 15 =