Un palinsesto di cultura naturalistica e di sostenibilità per superare il lungo periodo di isolamento forzato: è l’idea sviluppata dal WWF e pensata per tutte le età.

Seguendo i canali dell’associazione, dal sito web ai profili social, potrete trasformare questo lungo periodo di pausa in un’occasione per diventare esperti di sostenibilità e di conoscenza naturalistica, approfondendo meglio le strategie quotidiane di raccolta differenziata o l’utilizzo di scarti alimentari, realizzando ricette sostenibili o acquistando prodotti a km zero, ora più che mai utili perché incoraggiano le produzioni locali.
Il WWF ha coinvolto anche Lisa Casali, famosa eco-food blogger e testimonial del WWF per l’alimentazione a basso impatto ambientale che proporrà ricette e consigli utili in casa. Non mancheranno pillole video e viaggi “a distanza”nella natura protetta.

E proprio perché la primavera è ormai sbocciata in quasi tutte le regioni, il WWF lancia il primo Diario della NATURA DALLA FINESTRA, una grande operazione di citizen science che, grazie alla APP INATURALIST raccoglierà le segnalazioni su uccelli, insetti, piante spontanee, tutto ciò che possiamo osservare e ascoltare da balconi, finestre, terrazze e giardini e che prima d’ora non avevamo mai notato.

Non manca il viaggio nella natura delle Oasi e di altre aree naturali nel mondo: il WWF proporrà una selezione di webcam naturalistiche più affascinanti per ammirare lo spettacolo della natura in diretta, oltre al racconto dalle Oasi protette in Italia, perché #LaNaturaNonSiFerma.

farfalle-natura

Gli ECOTIPS del WWF sono dedicati anche a bambini e ragazzi con un palinsesto ricchissimo: il pericolo di noia e chiusura forzata si può superare, infatti, con lo spirito di avventura. Per questo la proposta WWF si ispira ai grandi viaggiatori del passato trasformando #iorestoacasa in un’avventura intorno alla cameretta o alla finestra con osservazioni sul meteo, sui piccoli impollinatori, la “foresta” in casa e poi consigli sulla lettura e documentari per far diventare i ragazzi, al termine di questa emergenza, piccoli botanici, ornitologi, entomologi, astronomi stimolando così nuove passioni e uno sguardo diverso sul mondo che li circonda.