A volte la felicità arriva doppia

Mi chiamo Paola, ho 37 anni, vivo a Varese e faccio la maestra. Segni particolari? Portatrice sana del gene dei gemelli. Sono infatti gemella (di Francesco) e le mie due gravidanze si sono trasformate in due splendide coppie di gemelli: Anna e Alice di 4 anni, Achille e Attilio di 8 mesi. Già! Alla faccia dei salti generazionali, o dei “è praticamente impossibile che succedano due gravidanze gemellari consecutive”. Invece no, eccomi qui, a dimostrare che tutto può succedere, ma che soprattutto la felicità, come l’amore non si divide ma si raddoppia, anzi in qualche caso si quadruplica!

Ovviamente non è sempre stato tutto rose e fiori, anzi. Sentirsi dire per due volte nella vita “congratulazioni, sono due!”, è sconcertante e molto emozionante la prima volta, ma letteralmente terrificante e spaventoso la seconda. Però io vedo sempre il bicchiere mezzo pieno e così, un passo per volta, con gli aiuti giusti e con il sorriso sulle labbra, penso che si possa affrontare tutto.

Una delle domande che mi viene fatta più spesso è “Come fai a gestirli tutti?” così incentivata da marito e amiche, ho deciso di aprire un blog che si chiama 4gemellispasso.

4 gemelli spasso logo

Noi siamo “Gli Spasso” fin dal nostro matrimonio: il nome è dato dall’unione del cognome mio e di mio marito, un po’ come i Ferragnez per capirci. Nel blog racconto episodi della nostra vita, il mio modo di essere mamma e anche i momenti categorizzati come “difficili”.
Il blog è nato da pochi mesi ed è ancora in evoluzione, ma di cose da raccontare ce ne sono tantissime.

Il primo post che ho scritto, l’ho voluto dedicare al tema dell’essere gemelli, di quello che è significato e significa tutt’ora per me, avere un fratello gemello. Sì perché, è vero che a volte è molto dura dalla parte del genitore, ma aver vissuto sulla mia pelle la fortuna immensa dell’avere un gemello mi aiuta ad affrontare anche i momenti più faticosi sapendo che, insieme a mio marito, stiamo facendo qualcosa di straordinario per i nostri bambini.
Mi piace pensare che il mio blog possa essere uno spazio dove altre mamme e papà possano trovare tra le mie righe un simpatico conforto al loro essere genitori, una sorta di solidarietà virtuale dove la regola del “c’è sempre chi ha più figli di me” possa aiutare ad affrontare con rinnovato entusiasmo le proprie sfide quotidiane.

Curiosità sui gemelli

Gemelli: uguali ma diversi

I parti gemellari sono in aumento

Come tenere buoni 4 gemelli contemporaneamente